Sbadigli smisurati non sono segno di noia ma di intelligenza

Pubblicato il

Sbadigli smisurati non sono segno di noia ma di intelligenza

Piú lunghi e ampi sono, piú grande il cervello di chi lo fa.

L’apparenza inganna e lo sbadiglio, da sempre associato a espressione di noia e difficoltà  a restare attenti, potrebbe invece essere un segno di intelligenza.

Infatti uno studio sulla rivista Biology Letters, condotto presso la State University of New York a Oneonta, svela che piú a lungo si sbadiglia, piú è grande il proprio cervello e piú intelligente è lo ”sbadigliatore”.

Lo studio si basa sull’analisi di durata, ‘dimensioni’ dello sbadiglio e dimensioni del cervello di 109 individui di 19 specie diverse (conigli, gatti, elefanti, cani e naturalmente esseri umani). Gli esperti hanno visto che le ”dimensioni” dello sbadiglio sono correlate non alla grandezza della mascella ma a quella del cervello.

Inoltre piú la specie è ‘evoluta’, intelligente, piú grande è lo sbadiglio che farà . E per quanto riguarda differenze tra gli sbadigli di individui della stessa specie, per esempio da persona a persona? E’ ipotizzabile, spiega il coordinatore dello studio Andrew Gallup, che chi individui che sbadigliano spalancando di piú la bocca siano piú ‘dotati’ in quanto a cervello e quindi, chissà , anche in intelligenza, ma serviranno altri studi per confermare questa ipotesi.

Fonte: Ansa